Rocca di Papa, ecco gli eventi che animeranno il Parco astronomico nel mese di luglio

La scienza non va in vacanza al Parco astronomico “Livio Gratton” di Rocca di Papa. Un mese ricco di eventi, all’insegna dell’emozione e del divertimento, si prospetta infatti per il pubblico di adulti e bambini. Conferenze, spettacoli nel planetario, osservazioni ai telescopi, proiezioni di filmati e passeggiate notturne saranno gli “ingredienti” degli appuntamenti dedicati alla scoperta del cielo, che nel mese di luglio si mostra in tutto il suo splendore. Visibili – per esempio – alcuni dei pianeti più affascinanti del Sistema Solare, come Giove e Saturno. Ma la vera protagonista del mese sarà la Luna, di cui ricorre il 50º anniversario della conquista. A organizzare la lunga rassegna di eventi è l’Associazione Tuscolana di Astronomia (ATA) – APS, attivamente impegnata da oltre 20 anni nella diffusione della cultura scientifica.

Si parte venerdì 5 luglio con l’evento “Il cielo del mese al Planetario: dagli antichi miti ai buchi neri”. Sotto la cupola di 7 metri di diametro del Planetario, gli esperti operatori dell’ATA illustreranno gli oggetti del cielo di luglio con l’ausilio di foto spettacolari e di video immersivi a 360 gradi. Durante gli spettacoli multimediali la scienza e il racconto dei miti legati agli oggetti celesti si fonderanno insieme per regalare al pubblico un’esperienza indimenticabile. Al termine degli spettacoli multimediali, in programma alle ore 21:00 e alle ore 22:00, sarà possibile osservare il cielo all’oculare dei telescopi. Sabato 6 luglio è invece la volta della Night Star Walk: la passeggiata notturna nei dintorni del Parco astronomico per osservare il cielo a occhio nudo al riparo da fonti di inquinamento luminoso e per ammirare la ricca flora e fauna locali.

Emozioni assicurate anche all’evento “La notte dei giganti” di venerdì 12 luglio, dedicato alla scoperta e all’osservazione dei pianeti Giove e Saturno, tra i più affascinanti del Sistema Solare. Quest’anno i due “giganti” offriranno uno spettacolo imperdibile: con Saturno, anche noto come “Signore degli anelli”, in prossimità dell’opposizione e Giove in congiunzione con la Luna. In occasione dello speciale evento, che rientra nell’ambito dell’omonima iniziativa nazionale promossa dall’Unione Astrofili Italiani (UAI), sarà possibile approfondire la conoscenza dei due pianeti e, in particolare, le loro caratteristiche orbitali, fisiche e strutturali, nonché la storia della loro esplorazione eseguita con sonde spaziali, che ci hanno regalato immagini mozzafiato e spettacolari. Previsti due spettacoli di grande impatto emozionale nel Planetario alle ore 21:00 e alle ore 22:00 e, a seguire, l’osservazione di Giove e Saturno e di tutti gli oggetti celesti visibili a occhio nudo e al telescopio sotto la guida degli esperti operatori dell’Associazione.

Ma l’evento più atteso del mese è “50 anni dall’Apollo 11”, in programma sabato 20 luglio, promosso dall’UAI e nato per celebrare il 50º anniversario del primo allunaggio e del “gigantesco balzo per l’umanità” di Neil Armstrong. L’evento vuole focalizzare l’attenzione del pubblico su un evento memorabile dell’esplorazione spaziale, far rivivere l’emozionante sbarco sulla Luna e consentire a tutti di approfondire la conoscenza del nostro meraviglioso satellite naturale. Previste due conferenze alle ore 21:00 e alle ore 22:30, spettacoli nel planetario, proiezioni di film e documentari storici e la consueta osservazione del cielo ai telescopi.

A chiudere il mese all’insegna della scienza è l’evento “A spasso nel cielo d’estate” di venerdì 26 luglio. Come anticipato, il cielo di luglio regalerà grandi sorprese. Da citare in primis, l’eclisse parziale di Luna del 16 luglio che, come spiega l’Unione Astrofili Italiani, raggiungerà il picco alle 23.30. Per quanto riguarda i pianeti, oltre a Giove, che culmina a sud nel corso delle prime ore della notte, e Saturno, all’opposizione il 9 luglio, sarà possibile osservare anche Marte, che si accinge a lasciare il cielo serale, sempre più basso sul cielo occidentale. A dominare il cielo è il “triangolo estivo”, formato dalle tre stelle brillanti Vega, Altair e Deneb, che fanno parte delle costellazioni della Lira, Aquila e Cigno rispettivamente. Non particolarmente appariscente è la costellazione della Bilancia, mentre inconfondibile è la sagoma dello Scorpione con al centro la rossa Antares.  A sud – est possiamo riconoscere il Sagittario, la cui posizione ci indica la direzione del centro della Via Lattea, la nostra Galassia. Allontanandoci dall’eclittica, alta nel cielo notiamo la stella che rivaleggia in luminosità con Vega: si tratta di Arturo, nella costellazione del Bootes.

Per maggiori informazioni e per prenotare consultare il link:

http://lnx.ataonweb.it/wp/astrofili/astroincontri-parcoastronomicogratton/

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *