Aspettando il transito di Mercurio al Parco astronomico di Rocca di Papa

Si avvicina il transito di Mercurio, un evento astronomico molto suggestivo e raro, da non perdere. Quali sono le sue particolarità? Quando e come si verificherà? Sarà possibile scoprirlo venerdì 8 novembre alle ore 21:00 al Parco astronomico “Livio Gratton” di Rocca di Papa in occasione dell’AstroIncontro “Aspettando il transito di Mercurio…”. L’evento divulgativo scientifico rientra nel fitto calendario di Astroincontri promossi dall’Associazione Tuscolana di Astronomia (ATA) per favorire la scoperta del cosmo.

Ad aprire l’Astroincontro sarà una conferenza divulgativa sul transito di Mercurio a cura dell’esperto operatore dell’Associazione Rino Cannavale. “Il prossimo 11 novembre il pianeta Mercurio attraverserà  il disco solare per uno dei suoi rari transiti. Un evento che potrà essere seguito dalle 13:30 circa fino al tramonto, con il pianeta che apparirà come un piccolo puntino nero sul disco solare, puntino che si sposterà lentamente durante tutta la durata del fenomeno”, spiega Cannavale. “La serata in Osservatorio sarà propedeutica all’evento astronomico, ne descriverò caratteristiche, tempi, particolarità e sarà possibile conoscere al meglio non solo come si svolgerà il transito, ma anche molte curiosità su Mercurio, il pianeta più vicino al Sole.”

La conferenza getterà quindi le basi per l’osservazione del transito di Mercurio, evento molto spettacolare e raro. Il prossimo evento di questo tipo si verificherà infatti il 13 novembre 2032. Durante il fenomeno Mercurio si troverà a 0.6750 UA dalla Terra (poco più di 101 milioni di km). Il pianeta ha un diametro angolare molto piccolo, circa 10 secondi d’arco al momento del transito, e non sarà visibile a occhio nudo. Per osservare il fenomeno occorrerà quindi utilizzare degli strumenti, come telescopi e binocoli, che dovranno essere opportunamente schermati per evitare danni permanenti alla vista.

Alla presentazione divulgativa in aula seguirà l’osservazione di tutti gli oggetti celesti visibili a occhio nudo e al telescopio sotto la guida degli operatori dell’ATA Mauro Ghiri e Matteo Petrassi. “Osservare il cielo, i pianeti e le costellazioni, anche attraverso telescopi che permettono di coglierne dettagli altrimenti invisibili sotto la guida di esperti è una grande opportunità che suscita sempre nel pubblico grande interesse ed entusiasmo”, dichiara il Presidente dell’Associazione Luca Orrù.

Per partecipare all’Astroincontro occorre prenotarsi compilando il form disponibile al link: http://lnx.ataonweb.it/wp/events/aspettando-il-transito-di-mercurio/

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *