Al Parco astronomico di Rocca di Papa l’evento su Hubble e l’espansione dell’Universo

Come è nato il nostro Universo? E quale sarà il suo destino? A rispondere a queste domande saranno gli esperti dell’Associazione Tuscolana di Astronomia (ATA) in occasione dell’Astroincontro “Hubble e la scoperta dell’espansione dell’Universo” in programma venerdì 6 marzo alle ore 21:00 al Parco astronomico “Livio Gratton”di Rocca di Papa. L’evento scientifico si inserisce nel fitto calendario di Astroincontri promossi dall’ATA per favorire la scoperta del cosmo e diffondere interesse verso l’astronomia.

Ad aprire l’Astroincontro sarà una conferenza divulgativa sulla legge di Hubble, una delle scoperte più importanti e sorprendenti nella storia dell’astronomia. Attraverso la legge di Hubble – figura chiave dell’astronomia a cui è intitolato il famoso telescopio spaziale – sarà possibile fare un viaggio nel nostro Universo per capire com’è nato, come si sta espandendo e quale sarà il suo destino. Alla presentazione divulgativa seguirà l’osservazione guidata di tutti gli oggetti celesti visibili, a occhio nudo e al telescopio. Un momento coinvolgente che gode sempre di grande successo, come sottolinea il Presidente dell’ATA Luca Orrù: “Osservare il cielo, i pianeti e le costellazioni, anche attraverso telescopi che permettono di coglierne dettagli altrimenti invisibili sotto la guida di esperti è una grande opportunità che suscita sempre nel pubblico interesse ed entusiasmo”.

Tanti gli oggetti celesti visibili. Come riporta la rubrica “Il cielo del mese” dell’Unione Astrofili Italiani (UAI), Venere continua a risplendere incontrastato nel cielo della sera e alla fine del mese tramonterà oltre 4 ore dopo il Sole. E’ possibile individuare inoltre Urano in direzione ovest nelle prime ore della sera. La luminosità del pianeta è sempre al limite della visibilità a occhio nudo e per individuarlo è necessario l’uso di un telescopio.

Il cielo è ancora dominato dalle grandi costellazioni invernali: rispetto al mese di febbraio le troveremo però più spostate verso sud-ovest, mentre nelle prime ore della notte nel cielo orientale fanno la loro apparizione le grandi costellazioni zodiacali del Leone e della Vergine. Percorrendo lo zodiaco troviamo anche la piccola e debole costellazione del Cancro a separare i Gemelli dal Leone. Sempre inconfondibile Orione, con le tre stelle allineate della cintura (da sinistra: AlnitakAlnilam e Mintaka) e i luminosi astri Betelgeuse (rossa) e Rigel (azzurra). Nella stessa zona di cielo troviamo le costellazioni del Toro con la stella rossa Aldebaran, la costellazione dell’Auriga con la brillante stella Capella, i Gemelli con le stelle principali  Castore  e Polluce. A sinistra in basso rispetto a Orione, nella costellazione del Cane Maggiore, risplende Sirio, la stella più luminosa del cielo. Più alto sull’orizzonte rispetto a Sirio, poco al di sotto dei Gemelli, si può facilmente riconoscere un’altra stella luminosa, Procione, del Cane Minore.

L’AstroIncontro di venerdì 6 marzo è stato ANNULLATO.

A seguito della pubblicazione delle misure di contenimento della diffusione del Covid-19 (DPCM del 4.3.2020), le attività pubbliche previste presso il Parco Astronomico “Livio Gratton” sono annullate, fino al 15 Marzo 2020 incluso.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *