modulo SPAZIO ED ESPLORAZIONE DEL SISTEMA SOLARE

nasa_orion_esa_sm_artist

Martedì 28 febbraio 2017 inizia a Frascati,

presso la European Space Agency,

il nuovo modulo teorico  SPAZIO ED ESPLORAZIONE DEL SISTEMA SOLARE

prenotazioni entro (e NON oltre) il 26 febbraio via mail a segreteria@ataonweb.it

Il 28 febbraio , presso la sede italiana della European Space Agency (a Frascati – RM), prende il via il modulo teorico SPAZIO ED ESPLORAZIONE DEL SISTEMA SOLARE con una prima conferenza introduttiva, a cui sono invitati tutti i Soci ATA (previa prenotazione obbligatoria con le modalità riportate sotto), tenuta dal prof. Antonio Paolozzi (Professore Associato della Scuola di Ingegneria Aerospaziale, Sapienza Università di Roma ed è associato al Centro Fermi di Roma): “Astronautica: un viaggio emozionante tra scienza, musica e tecnologia“:

Faremo un viaggio emozionante nel sistema solare dove musica e tecnologia si fondono sinergicamente. Scienza e tecnologia sono discipline razionali ma nonostante ciò possono dare forti emozioni. La musica per contro  è quasi sempre associata alle emozioni  in quanto di rado si riesce a cogliere il lato razionale delle composizioni.  Nel corso della presentazione verranno toccati alcuni spetti scientifici e tecnologici relativi all’esplorazione spaziale e con esempi pratici verranno analizzate alcune caratteristiche razionali delle composizioni musicali con interessanti collegamenti con l’universo osservabile.

L’Associazione Tuscolana di Astronomia “Livio Gratton”, dopo il Corso Base di Astronomia e il modulo “Evoluzione Stellare”, nell’ambito della XIII edizione della Scuola di Astronomia, propone il secondo modulo di approfondimento, dedicato allo “SPAZIO ED ESPLORAZIONE DEL SISTEMA SOLARE”.

Le lezioni a cadenza settimanale (il Martedì ore 20.30 – 22.00, dal 28 febbraio al 4 aprile 2017) saranno tenute da ricercatori del settore:

martedì, 28 febbraio 2017 Conferenza introduttiva “Astronautica: un viaggio emozionante tra scienza, musica e tecnologia”
martedì, 7 marzo 2017 Dallo Sputnik all’esplorazione robotica di Marte
martedì, 14 marzo 2017 Venere si svela di notte
martedì, 21 marzo 2017 Esplorazione spaziale di Mercurio
martedì, 28 marzo 2017 Esplorazione spaziale dei corpi minori del sistema solare
martedì, 4 aprile 2017 Esplorazione spaziale del sistema solare esterno

La Tua Prenotazione a conferenza e/o al modulo teorico

SPAZIO ED ESPLORAZIONE DEL SISTEMA SOLARE

obbligatoria  ENTRO il  26 febbraio  via  mail  a  segreteria@ataonweb.it

 

 :arrow:  I dettagli su programma, costi e modalità di iscrizione sono disponibili qui: 

http://lnx.ataonweb.it/wp/scuola-di-astronomia-2016-2017/

 


Antonio Paolozzi è docente di tecnologie spaziali presso la Scuola di Ingegneria Aerospaziale dell’Università la Sapienza ed è associato al Centro Fermi di Roma. E’ stato responsabile della progettazione del satellite LARES (LAser RElativity Satellite) messo in orbita nel 2012 con il lanciatore VEGA per verificare l’effetto di trascinamento dei sistemi di riferimento inerziali o “Frame-dragging” previsto dalla teoria della relatività generale. Nel 2005 è stato responsabile  dell’esperimento SPQR (Specular Point-like Quick Reference) condotto sulla stazione spaziale internazionale. Ha collaborato all’esperimento MARSIS  in orbita intorno a Marte,  e nel campo delle particelle elementari ha avuto collaborazioni all’INFN di Frascati, al Fermilab di Chicago e al CERN di Ginevra.  E’ autore e coautore di oltre 200 articoli pubblicati su riviste ed atti di congressi nazionali ed internazionali che riportano studi e sperimentazioni su vari argomenti tra cui applicazioni con sensori in fibra ottica, interferometria olografica, meccanica delle vibrazioni e simulazioni numeriche con metodo agli elementi finiti.


You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>