Roma, stelle a portata di tutti al Parco degli Acquedotti

6

Consentire l’osservazione diretta del cielo e l’approfondimento delle tematiche a essa connesse alle persone ipovedenti e con disabilità motorie. Con questa finalità nasce l’evento ad accesso gratuito “Stelle per tutti – Star party della solidarietà” che si svolgerà il 26 maggio a Roma, presso il Parco degli Acquedotti (Parrocchia San Policarpo – Piazza Aruleno Celio Sabino, 50), dalle ore 21:00 e alle ore 24:00. A organizzarlo l’Associazione Tuscolana di Astronomia “Livio Gratton” (ATA) con la collaborazione dell’Archeomitato (Comitato per la promozione del patrimonio storico-archeologico del VII Municipio). 

L’iniziativa si inserisce nell’ambito del  progetto nazionale “Stelle per tutti” promosso dall’Unione Astrofili Italiani (UAI) e realizzato con il contributo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Obiettivo del progetto, focalizzare le potenzialità delle associazioni di astrofili, degli osservatori astronomici amatoriali e dei piccoli planetari verso azioni di solidarietà sociale e, in particolare, di agevolazione dei soggetti con disabilità nell’accesso alla fruizione della cultura scientifica attraverso l’astronomia, disciplina che da sempre affascina e suscita forte interesse ed entusiasmo nel grande pubblico.

Articolata la programmazione della serata osservativa del 26 maggio. I partecipanti all’evento potranno osservare la Luna, le stelle e tutti gli oggetti celesti visibili attraverso l’uso di telescopi opportunamente modificati e resi fruibili a persone con disabilità. A guidare il pubblico alla scoperta del cielo saranno gli esperti operatori dell’ATA che racconteranno anche i miti e le leggende legati alle costellazioni. Verrà allestita inoltre un’ulteriore speciale postazione con un telescopio collegato a una telecamera CCD a uso astronomico per proiettare su uno schermo le immagini, riprese in tempo reale, degli oggetti visibili.

Una grande iniziativa di solidarietà sociale che offre a tutti la possibilità di provare l’emozione della scoperta del cielo attraverso l’osservazione diretta. “Mi auguro che ci sia una forte partecipazione del pubblico a cui l’evento è rivolto perché l’astronomia è un patrimonio di tutti”, afferma Selene Dall’Olio, comunicatrice e divulgatrice scientifica, e socia operativa dell’ATA. “Superare le barriere per permettere la fruizione di una passione che ci unisce tutti è sostanzialmente lo scopo di ogni divulgatore”. E l’impegno dell’ATA verso le persone svantaggiate non si ferma all’evento del 26 maggio, come sottolinea Dall’Olio: “Sono in corso di organizzazione altri due incontri: uno si chiama “Osservatori aperti”, dove offriremo “in casa” uno Star Party dedicato alle persone con disabilità motorie, il secondo invece sarà organizzato all’interno di una struttura ospedaliera, per incuriosire e appassionare anche il pubblico presente nella sede che ci ospiterà. L’augurio più grande è che si avvii un percorso solidale che veda oggi gli astrofili sempre più impegnati nella comunicazione scientifica su più livelli e soprattutto che il percorso solidale avvicini sempre di più le persone con disabilità alla collaborazione fattiva con le Associazioni di settore”.

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>