Calcolato il periodo di rotazione dell’asteroide (3677) Magnusson

Continuano le attività del Gruppo Ricerca ATA nell’ambito dei corpi minori del sistema solare. L’ultima fatica ha riguardato il calcolo del periodo di rotazione (periodo sinodico) dell’asteroide (3677) Magnusson. Questo asteroide era stato segnalato nella sezione “target opportunity”  del Bollettino del Minor Planet Center che raccoglie e cataloga tutte le osservazioni mondiali sui corpi minori.

Questo pianetino è stato scoperto nel 1984 da Edward Bowell ed è stato così chiamato in onore di Per Magnusson, un astronomo planetario dell’Osservatorio di Uppsala. Tutte le osservazioni sono state condotte sia presso la cupola Torsoli dell’Osservatorio F. Fuligni utilizzando un telescopio SC ACF di 0,35m di apertura e f/10 di rapporto focale equipaggiato con una camera CCD SBIG ST8-XE con filtro fotometrico Bessel R   sia presso la postazione personale del socio Francesco Franceschini che utilizza uno SC di 0,235m di apertura con rapporto di focale a f/6,3 equipaggiato con una camera CCD Atik 314L e filtro fotometrico R Astrodon.

Complessivamente sono state necessarie ben 8 sessioni osservative iniziate il 18 agosto e terminale un mese dopo e sono state acquisite ed elaborate ben 455 immagini.

Tutte le foto riprese sono state calibrate e corrette con immagini dark e flat. L’analisi per il calcolo del periodo di rotazione è stata condotta tramite il software dedicato MPO Canopus utilizzando il metodo della fotometria differenziale.

Il periodo sinodico calcolato è risultato di P=7,90 +/-0,01h con un ampiezza di A=0,89 mag.

La ricerca è stata pubblicata sul bollettino del Minor Planet Center, disponibile al seguente link:

 http://www.minorplanet.info/MPB/mpb.php?selectedYear=2019&selectedIssue=46-2&selectedMonths=Apr-Jun&showAbstracts=show&fbclid=IwAR0RaYRPPSAd6fzVpbIabc7jZCYO5NzJbUPsPHMcfYleSAgHmstzooK-OEU

Si ringrazia come sempre tutti coloro che hanno collaborato alla ricerca (A. Tomassini, F. Franceschini, F. Pierri) e il gruppo tecnico (S. Piscitello, S. Nodari) che mantiene costantemente in funzione ed in piena efficienza tutta la strumentazione di ricerca.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *