Incontri di Scienza 2020, giovedì 24 settembre la seconda conferenza online

Dopo la conferenza dell’Astrofisico e divulgatore scientifico Amedeo Balbi sul modello cosmologico, giovedì 24 settembre (ore 18:45) è la volta della conferenza online “La misura delle distanze nell’Universo: l’incostante di Hubble” a cura dell’Astrofisico Alessandro Melchiorri, professore all’Università di Roma “La Sapienza”. L’evento andrà in onda in diretta sul canale YouTube (https://www.youtube.com/watch?v=HOa77wBnwPU) e sulla pagina Facebook dell’Associazione Tuscolana di Astronomia (ATA) e sarà fruibile gratuitamente anche presso il Parco astronomico di Rocca di Papa, previa prenotazione (da effettuare su: https://lnx.ataonweb.it/wp/events/le-distanze-nelluniverso-lincostante-di-hubbledi-alessandro-melchiorri/).

La conferenza si inserisce nell’ambito della manifestazione “Incontri di Scienza 2020: re – visioni cosmologiche”, organizzata dall’Associazione Tuscolana di Astronomia (ATA) per celebrare il 25º anniversario della sua fondazione. La manifestazione, sostenuta dalla Regione Lazio (LazioCrea), è articolata in numerosi eventi divulgativi gratuiti che accompagneranno adulti e bambini alla scoperta dell’Universo e dei più recenti progressi della scienza.

Giovedì 24 settembre è in programma la conferenza dell’astrofisico Alessandro Melchiorri sulla misura delle distanze nell’Universo. “Nell’ultimo secolo – spiega Melchiorri – abbiamo assistito a una vera e propria seconda rivoluzione Copernicana riguardo alla struttura ed evoluzione del nostro Universo. Come spesso accade, le osservazioni sperimentali hanno sconvolto le precedenti teorie e ipotesi, ponendoci davanti a una visione attuale in principio funzionante ma piena di interrogativi e misteri ancora irrisolti. Nella conferenza del 24 settembre illustrerò sia i successi del modello cosmologico standard ma anche i suoi problemi, inerenti in particolar modo al valore della costante di Hubble, che potrebbero essere gli indizi per l’ennesimo rovesciamento delle nostre convinzioni”.

Giovedì 1 ottobre (ore 20:45) l’Astrofisico Paolo De Bernardis farà invece un focus sulla radiazione cosmica di fondo, flebile traccia dell’originario “Big Bang”. Al ciclo di conferenze si affiancheranno, dal 12 ottobre al 6 novembre 2020, la mostra “Tutti gli Universi possibili” e, dal 25 settembre al 23 ottobre, una serie di spettacoli al planetario, entrambi presso il Parco Astronomico “L. Gratton” di Rocca di Papa.

Il 10 ottobre, giorno del “compleanno” dell’ATA, sono previste due tavole rotonde sulla storia e sulle prospettive della divulgazione scientifica e della astrofilia, moderate dal noto giornalista scientifico Franco Foresta Martin e aperte alle domande del pubblico. Sempre il 10 ottobre verrà consegnato il premio “Tuscolanae Scientiae” al Rettore del Gran Sasso Science Institute Eugenio Coccia, noto per il suo impegno nella divulgazione. L’esperto delizierà il pubblico con una conferenza sullo spaziotempo cosmico. In occasione dello speciale evento del 10 ottobre, verranno infine raccontate – attraverso dialoghi, dibattiti e video proiezioni – la storia coronata di successi dell’Associazione e le ambizioni e i progetti per il futuro, e si brinderà ovviamente al traguardo dei 25 anni raggiunto.

⇒Il programma dettagliato della manifestazione e le modalità di partecipazione sono disponibili al link: https://lnx.ataonweb.it/wp/re-visionicosmologiche/

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *