26 aprile 1920, il grande dibattito pubblico sulla Scala dell’Universo (ore 20:15)

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 11/09/20
20:15 -- 22:00

Luogo
Parco astronomico "Livio Gratton"

Categorie


Venerdì 11 settembre (alle ore 20:15) presso il Parco Astronomico “Livio Gratton” di Rocca di Papa – nel cuore del Parco Regionale dei Castelli Romani – si terrà l’AstroIncontro “26 aprile 1920, il grande dibattito pubblico sulla Scala dell’Universo”, a cura dell’Associazione Tuscolana di Astronomia (ATA), attivamente impegnata da 25 anni nella promozione e diffusione della cultura scientifica.

L’evento permetterà ad adulti e bambini di immergersi nell’affascinante mondo dell’astronomia e di vivere un’intera serata all’insegna della scoperta del cielo e dell’emozione.

Ad aprire l’evento sarà una conferenza divulgativa a cura del referente degli eventi scientifici dell’ATA Rino Cannavale. “Ad aprile, esattamente il 26, ricorreva il centenario di un avvenimento poco conosciuto al grande pubblico, ma che ebbe grande risonanza nella comunità astronomica internazionale dell’epoca: il Dibattito pubblico tra gli astronomi Shapley e Curtis sulle dimensioni e la forma dell’Universo”, spiega Cannvale. “Due diverse visioni del cosmo che si contrapposero, e che erano il risultato di secoli di storia scientifica ma anche di visioni del mondo profondamente differenti. La nostra Galassia era di fatto l’intero Universo, e tutto quello che osserviamo era al suo interno, oppure la nostra non è che una delle tante Isole Cosmiche che permeano un cosmo smisuratamente grande? Sappiamo – prosegue l’esperto – come andò poi a finire, certo…ma nella conferenza mostreremo come si arrivò alle due visioni contrapposte, e come, negli anni successivi, la questione venne definitivamente risolta e vedremo anche come, 100 anni dopo, un analogo dilemma coinvolge non più la nostra Galassia, ma l’intero Universo, spostando il dibattito su un ordine di grandezza decisamente superiore”.

Al termine della conferenza il pubblico potrà osservare al telescopio tutti gli oggetti celesti visibili, sotto la guida degli esperti operatori dell’ATA Simone Cerroni e Franco Silvestrini, e visitare la cupola astronomica che ospita il telescopio della ricerca a controllo remoto con l’esperto Claudio Costa. In caso di meteo avverso alle osservazioni, il pubblico potrà assistere a uno spettacolo all’interno del Planetario fisso, formidabile strumento di simulazione del cielo.

OBBLIGATORIO per ogni visitatore indossare la PROPRIA MASCHERINA di cui dovrà essere già munito al momento dell’accesso all’Osservatorio. Durante la sessione osservativa al telescopio ogni visitatore, per motivi di sicurezza, dovrà indossare uno speciale schermo a protezione degli occhi (che sarà fornito dagli operatori dell’ATA e dovrà essere restituito al termine della visita). Per l’intera durata dell’attività verranno inoltre fatte rispettare le regole di distanziamento sociale e saranno applicate tutte le procedure anti-contagio previste dalla legge. Previsti due turni di visita: alle 20:15 ed alle 21:30, ognuno dei quali è aperto a massimo 20 partecipanti. Si raccomanda quindi la massima puntualità’.


Per partecipare è obbligatorio prenotarsi ENTRO le ore 13:00 di venerdì compilando il modulo sottostante e contestualmente versare il contributo laddove previsto, tramite il sistema sicuro PayPal.

E’ possibile effettuare la propria prenotazione compilando il modulo sottostante:

  • se sei GIA’ registrato al nostro sito, per prenotarti devi prima accedere (tasto ACCEDI dal menu sopra) e poi andare sulla pagina dell’evento di tuo interesse
  • se NON ti sei mai registrato è sufficiente compilare il form sottostante.

L’attività (sempre confermata anche in caso di maltempo) prevede un contributo di:

  • 8 euro;
  • 7 euro, titolari della tessera Biblio+ (da presentare all’arrivo c/o Parco astronomico)
  • ridotto a 4 euro per bambini da 6 a 12 anni;
  • Gratuito per Soci ATA, bambini sotto i 6 anni e cittadini di Rocca di Papa

Bookings

**** Le prenotazioni per questo evento sono CHIUSE ****

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *